Cala Brandinchi: una piccola Tahiti

Cala Brandinchi è una delle spiagge più famose, conosciute e frequentate della zona compresa tra Porto San Paolo e San Teodoro. La sua bellezza non è in discussione, come si può vedere dalle foto che pubblichiamo, ma fate attenzione: se andate in vacanza ad agosto e volete visitare questa spiaggia dovete armarvi di santa pazienza. Dopo questa premessa, fatevi coraggio: lo spettacolo che avrete davanti una volta arrivati a destinazione ripagherà tutti gli sforzi sostenuti! Il nostro primo consiglio innanzitutto è di essere in spiaggia entro le 10, per non tribolare troppo nel trovare un posticino libero.

cala brandinchi

La particolarità di Cala Brandinchi è la sua finissima sabbia bianca, che contrasta con il colore turchese del mare. L’acqua “smeraldina” è decisamente trasparente, dando ulteriore sfumature meravigliose nei punti dove ci sono gli scogli e le piante subacquee, per un panorama mozzafiato, soprattutto in alcune ore della giornata. Per questi motivi, Cala Brandinchi è conosciuta come “La piccola Tahiti”, visto il suo aspetto esotico.

Queste caratteristiche, oltre a un fondale abitato da numerose specie di piante e di pesci e alla quasi totale assenza di correnti e onde, fanno di Cala Brandinchi un vero paradiso per gli appassionati di snorkeling.

Ma non è tutto: intorno alla spiaggia c’è un contorno di macchia mediterranea tipica della Sardegna, con le caratteristiche dune di sabbia e un’ampia pineta, dove in alcuni punti è anche possibile sdraiarsi e prendere un po’ di ombra.

cala brandinchi

Fate attenzione: Cala Brandinchi è confinante con una “gemella” chiamata Lu Impostu. Le due spiagge sono divise da un piccolo capo, molto bello, chiamato Capo Capiccolu. Visto che la strada per le macchina è praticamente la stessa, è facile confondersi: guardando il mare, Cala Brandinchi è a sinistra, mentre Lu Impostu è a destra.

Come molte altre località marine, l’eccessivo turismo a volte è controproducente: se ne avete la possibilità, cercate di visitare Cala Brandinchi in bassa stagione, per evitare tutti i problemi derivanti dalla massa di persone che quotidianamente affolla la spiaggia nel mese di agosto. Il periodo tra ottobre e maggio è l’ideale per gustare appieno di tutta la sua bellezza! L’acqua sarà un po’ freddina, ma la cornice data dall’acqua, dalla sabbia e dalla vegetazione vi farà sembrare di essere in luoghi tropicali, come la Polinesia o i Caraibi (mancano solo le palme…!).

Piccola curiosità: la storia racconta che Giuseppe Garibaldi, una volta sfuggito al blocco di Caprera, per raggiungere la penisola italica e liberare Roma dallo Stato Pontificio, venne qui a imbarcarsi alla volta del Lazio (correva l’anno 1867).

Come arrivare a Cala Brandinchi

Venendo da sud, quindi dalla parte di San Teodoro, bisogna prendere in direzione nord la famosa Strada Statale 125, che costeggia tutta la parte est della Sardegna.

Dopo poco meno di 10 km, nelle vicinanze della località Lutturai, c’è una svolta per Capo Coda Cavallo: fate attenzione perchè il cartello non è grosso e si richia di proseguire senza averlo visto.

Una volta presa la stradina che porta verso Capo Coda Cavallo, proseguire per circa un km per poi svoltare verso destra, dove c’è una strada sterrata (ma curata) che conduce alla Cala. Già da qui sarà possibile vedere la sbarra di ingresso del parcheggio a pagamento (se venite in agosto è impossibile sbagliare…basta seguire la fila!), passata la quale sarà possibile raggiungere Cala Brandinchi.

Cala Brandinchi: dove parcheggiare

I parcheggi sono la nota dolente di Cala Brandinchi. Sono due i problemi principali: la coda all’ingresso (e all’uscita), date dall’affollamento e dalla tradizionale “flemma” sarda degli addetti, e in secondo luogo il costo che si attesta sulla ventina di euro per tutta la giornata.

Di positivo c’è che lo spazio per le macchine è veramente tanto, quindi una volta che sarete riusciti a entrare nel parcheggio non si dovrà girare tra le corsie come in un centro commerciale milanese a luglio, ma si troverà un posto libero praticamente subito. Paradossalmente, sarà più difficile trovare posto in spiaggia, soprattutto se arriverete dopo le 10-10.30.

Altra cosa positiva, se state andando a Cala Brandinchi in bassa stagione o se siete particolarmente mattinieri, ci sono anche parcheggi liberi gratuiti. Sono un pochino più lontani dalla spiaggia, però vi permetteranno di risparmiare e vi “costringeranno” a una passeggiata molto bella, in mezzo alla macchia mediterranea tra ginepri e cardi.

Cala Brandinchi: i servizi

Sulla parte sinistra di Cala Brandinchi (guardando il mare) è possibile trovare una parte di spiaggia attrezzata, dove è possibile prenotare diversi servizi per turisti: noleggio di ombrelloni e lettini, ma anche pedalò, kajak, canoe e gommone.

Ovviamente, visto l’affolamento, è meglio prenotare qualche giorno prima di venire in spiaggia. A questo sito potrete trovare tutte le informazioni per garantirvi un gita ancora più piacevole: http://noleggiocalabrandinchi.it/.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *